Alien Concepts: An Interview with Dr. John Mack


by Andrew Lawler

John Mack’s research into alien abductions has thrust him far out of the academic mainstream, yet the Harvard psychiatrist and his Program for Extraordinary Experience Research soldier on, constructing a “science of the sacred.”

“Virgin area — exciting,” John Mack wrote in a 1964 note to himself. He was referring to an opportunity to develop new ways of delivering mental-health services at a Massachusetts hospital. But that spirit of enthusiasm and risk-taking is a neat summation of the Harvard psychiatrist’s long and controversial career as a scientist and activist.

Mack has never shied from exploring frontiers. While most of his colleagues toiled away quietly in Harvard’s ivory tower, Mack protested nuclear tests in Nevada, flew to war-torn Lebanon to try his hand at Middle East diplomacy and drank toasts with Soviet colleagues in cold war Moscow. And most famously, he listened to people who told him tales of alien visitations and abductions-and believed them.

His behavior, unusual for an Ivy League academic, has made the lanky 71-year-old a figure of fun for the mainstream, a well-meaning modern-day Don Quixote to those with progressive leanings and a knight on a white horse to those who believe aliens are among us. Yet even those friends and colleagues dismissive of Mack’s abduction theories acknowledge his deep-seated commitment to tackling problems at all levels — personal, social and spiritual. “His really important insight is that people can change, that they can crack open,” says one academic friend.

Another friend says that at Mack’s core is a passion to understand and ease human suffering. Ironically, Mack’s unusual journey into the alien realm has reaped him his own share of suffering, from damage to his professional credibility to loss of old friends and the breakup of a long marriage.

Mack himself seems at a loss to explain why he is who he is, given a background lacking in either social activism or spiritual matters. A self-described introspective child, he was born into a family of prosperous German Jewish academics in New York. His father read the Bible, but only as literature in that atheistic household.

But suffering was not an abstract concept in his early life. Mack’s biological mother died of a ruptured appendix when he was only eight months old. His mother’s sister later married a Holocaust survivor, a man who became an expert in group process and psychotherapy. Another uncle was mentally ill and eventually lobotomized. “That was a big factor in my choosing to go into psychiatry,” he says. The dark-brick insane asylums that he and his family passed during trips to the country haunted him. By age 12, he was hunting out psychology books in his school library.

After finishing medical school and marrying Sally Stahl in 1959, they left for Mack’s two-year stint in Japan as an Air Force psychiatrist, where the first of their three sons was born. The culture shock was intense. Life there, he recalled later, taught him how “fantastically ethnocentric and ecologically destructive we Americans can be.” The family returned to the United States, and Mack plunged into Harvard psychiatry in the 1960s, when ideas about mental health were being overhauled. He played a key role in creating a novel psychiatric clinic for both in- and outpatients at a derelict Cambridge city hospital that Harvard University had taken over.

But ever the intellectual peripatetic, Mack’s fascination with T. E. Lawrence led him to write an in-depth biography of the enigmatic man who played a key role in Middle East politics, and in 1977 the effort earned him the Pulitzer Prize. Lawrence lived out a creative vision of changing the world that intrigued — one of his friends says obsessed — Mack.

By the early ’80s, when he had entered what for most tenured professors would be comfortable middle age, Mack, at the urging of his children, was drawn into two more virgin territories — the realm of spiritual questing and the world of political activism. He experimented with holotropic breathwork, est and psychedelic drugs. And he was drawn into Middle East politics, meeting solo with Yassir Arafat in Beirut to discuss prospects for peace. Next he threw himself into the growing antinuclear effort during the Reagan years, exploring the psychosocial aspects of the nuclear-war threat and testifying before Congress on such issues as children’s nightmares of an atomic holocaust. Eventually he turned to a more active role; his entire family was arrested in 1986 at the government’s Nevada Test Site for protesting underground nuclear detonations.

His breathwork in particular set the stage for his interest in aliens. “I was open to the possibility that there was a world beyond that which could be seen,” he recalls. Mack began seeing patients who described a variety of alien encounters, and then he created the Program for Extraordinary Experience Research (PEER) within Harvard’s Center for Psychology & Social Change. (Currently neither the center nor PEER is affiliated with Harvard.) His 1994 book on the subject (Abduction), which focuses on interviews that detail the experiences of a handful of the 70 people who said they were abducted, provoked ridicule and outrage in the mainstream media and a Harvard investigation into his scientific methods. Undaunted, Mack has soldiered on, gathering more data and interviewing people from all over the world, publishing Passport to the Cosmos: Human Transformation and Alien Encounters in 1999, which focused on alien-related myths and experiences in native cultures, from the Amazon to southern Africa.

In person, Mack has the cautious traits of a scholar, the wariness of a maligned media figure and the innocent enthusiasm of a young college student discovering himself. During a lengthy interview at PEER headquarters — a nondescript Cambridge walkup that resembles a postdoc’s apartment — Mack talked with New Age about his latest frontier. What follows is a much-shortened and edited transcript.


Q. What was your first encounter with the alien phenomenon?
A. I read an article that treated the phenomenon as a spiritual emergency, and a colleague in my breathwork training program took me to see Budd Hopkins [author of several alien-related books] in January 1990. At first I didn’t believe it was possible to encounter beings from beyond the Earth, but it became apparent that I didn’t have any other way to explain what was happening: If different people who are not connected have the same detailed experience, then you are not dealing with an internally generated effect. So I got curious.

Q. How do you test the reliability of these claims?
A. I do a careful psychological evaluation of their mental states, take their psychological history — the standard clinical exam and, in some early cases, batteries of psychological testing. I will get character witnesses to assess whether they embellish the truth. And there is something more, which I’m still struggling with. It is feeling that a person is speaking as if they’ve been there — this comes from body language, the look in their eye, from having no other agenda. I’m working to better define this.

Q. So do you see what you are doing as science?
A. I have to be open to the fact that there are realms or dimensions of reality that I don’t know about. Knowing is not the same when you can’t create a controlled experiment, but there still can be reliable ways of knowing. I can’t create an experiment that brings a bunch of UFOs together. But I do believe there is a quality of openness of mind and rigor we can apply. We can develop standards of authenticity, reliability, multiplicity of witnesses. This might be considered a science of the sacred or of human experience.

Q. What kinds of standards do you envision for such a science?
A. We have an anomalous-experiences project at PEER, which came out of a 1999 workshop on the topic that included theologists, anthropologists, astrophysicists and philosophers. We are looking not just at the abduction phenomenon, but near-death experiences and other such phenomena that don’t fall into a single discipline. And we want to explore traditions where there are, if not standards, witnessing and truth-telling traditions — that is, methods of how you decide who to take seriously. The Buddhist and Catholic traditions deal with this in detail, for example in determining what is a miracle and what is not.
Father Corrado Balducci, a retired gentleman close to the Vatican, once shocked me by saying that the Church takes very seriously these reports of UFOs and abduction encounters because there seem to be so many reliable witnesses. The Church has a tradition of determining who is a reliable witness. I began to think about this notion of the sacred witness, or the witness of the sacred. We don’t want to take on, for example, Catholic or Buddhist standards wholesale, but they can be guides.

Q. So these standards could be applied to all sorts of anomalous experiences?
A. The new age world is filled with people working on everything from alien experiences to channeling, but there are no real criteria to tell you what to take seriously. There’s been appropriate criticism of a lot of new age work. Just because someone says he or she channels something doesn’t make it truthful. The scientific method has ways of deciding on the reliability of physical evidence. But if there is no physical evidence — no physical marks on the body, for example — there has to be a way to take data and determine its validity.

Q. Are you trying too hard to drag science into an area that is the domain of religion?
A. Barbara McClintock, a Nobel Prize winner in genetics, described her way of knowing as highly subjective. She would fall in love with ears of corn; she fused with what she was working with. Of course, after you’ve learned in that interconnected subjective way, then you use your rational mind to add it up and make sense of it. But your instrument of knowing is your whole self, your intuitive self, your full consciousness. What really good scientists and those who take us “beyond the veil” have in common is full engagement with that other self, with the matter at hand.

Q. You say breathwork opened you up to other worldviews. How did this unfold?
A. I realized I was not stuck in my academic, psychoanalytic tower — I expanded out of my shell. I had this sense of connection with all these people that was unexplainable to me. This sense that each of us were in some way open and loving people — and the same, that we were one in a way, and under natural conditions that we can connect in a way that is quite different from the usual competitive isolation in which we live.

Q. How does this relate to aliens?
A. We are spiritual beings connected with other life forms and the cosmos in a profound way, and the cosmos itself contains a numinous intelligence. It’s not just dead matter and energy.

Q. Are your ideas about abduction more accepted now by the mainstream than in 1994?
A. No, on the contrary. There are those who fear what they see as a danger of the return of the irrational. But on the fringes there is also a growing excitement and interest in understanding reality not known by the traditional scientific method. So there is a kind of heating up, not of a paradigm war, but a not-very-friendly discourse between contending worldviews.

Q. Alien “experiencers” are considered crazy by the mainstream. Do you see them as an oppressed minority?
A. The ridicule of these individuals and the dismissal of their stories has profound moral implications. A society cannot long survive if its truth tellers are rejected. I believe these witnesses are truthful, regardless of the fact that what they are talking about can’t be true from the dominant materialist worldview. And their dismissal does make them a kind of suppressed minority. I began to see that the outright dismissal of the testimony of reliable witnesses was because what they reported wasn’t consistent with the dominant worldview.

Q. How do you react to the weird varieties of aliens abductees describe?
A. The whole business of the demographics of alien beings is quite humorous in a way — blond ones, reptilian ones, insectlike ones, praying mantis-like ones and of course the grays. The whole thing in a way is comical. And then you get into what star system are they from. It’s almost like a cosmic joke. . . . When a culture become sterile and complacent and locked into a limited worldview, the trickster shows up and shakes up the whole system.

Q. So do you personally believe in this phenomenon?
A. It’s a no-brainer. It can’t be accounted for in purely interpsychic ways. Many people are having these experiences around the world, spontaneously. It has to come from somewhere, what William James called a “provocation from without.” I see it in the context of the global ecological crisis. The Earth is a source of creation and life, and out of ignorance, greed and aggression, we are destroying it. I see an awakening of consciousness about this, a spiritual reconnection with the sacred, with the divine.

Q. Has the personal and professional toll taken by delving into abductions been too high?
A. I don’t have regrets. Although there have been critics and attacks, I’ve met so many incredible people who are open to new knowledge. I’ve probably gained more colleagues and friends since I began this than I had in the period before — they are just different. I don’t resonate in the same way with a number of other people. Life is short, and one tends to gravitate to people one is in tune with. It’s been more of an expansion of my horizons and an opening to exciting connections and possibilities than it has been a suffering. What’s enabled me to feel on the whole pretty good is that people are starting to research other anomalies of other kinds. And there have been a lot of pioneers before me.

Q. Do you want to have an abduction experience?
A. I don’t think so. One reason is it is often scary, but I think I could handle that. Second, my reliability and role as a witness of the witnesses depends on my being clean on that score. I’ve seen examples in which investigators who had experiences or acknowledged their experiences really lost credibility as investigators. I feel myself to have a different role. I don’t even let myself think of that too much.


  • Andrew Lawler is a senior writer with Science Magazine, and freelance writer for Smithsonian, National Geographic, Discover, Archaeology, Audubon, American Archaeology, Air & Space, Columbia Journalism Review, and other magazines. He has written hundreds of articles on topics ranging from asteroids to zebrafish; interviewed politicians such as Dan Quayle and Al Gore, visionaries like Arthur C. Clarke, and scientists ranging from Harvard biologist E.O. Wilson to Nobelist Sam Ting. During a quarter-century of reporting, he has filed stories from more than two dozen countries, including Afghanistan, China, Egypt, India, Iraq, Iran, Mongolia, Sudan, Syria, Turkmenistan, and Yemen. When not waiting for his luggage at airport carousels, he lives in Whitefield, Maine, on the Sheepscot River.

© 2001 Andew Lawler
Originally published in
New Age Journal
July 2001


Concetti Alieni: Intervista col Dr. John Mack

di Andrew Lawler

La ricerca di John Mack sulle abductions aliene lo ha spinto lontano dal mondo accademico, ma lo Psichiatra di Harvard e il suo Program for Extraordinary Experience Research costruiscono la “scienza del sacro”.

“Area di Virginia — emozionante”, John Mack scrisse in una nota del 1964. Si riferiva ad una possibilità per sviluppare nuovi metodi per la cura mentale all’ospedale del Massachusetts. Però questo entusiasmo e questo spirito per il rischio è un riassunto pulito della lunga e controversa carriera dello psichiatra di Harvard, come scienziato e attivista.

Mack non ha mai evitato l’esplorazione di frontiera. Mentre molti dei suoi colleghi lavoravano tranquilli nella torre d’avorio di Harvard, Mack protestava contro i test nucleari nel Nevada, volava verso le guerre in Libano per dare aiuto alla diplomazia in Medio Oriente e collaborava con i colleghi Sovietici durante la Mosca della guerra fredda. Fatto più famoso, ascoltava le persone che gli raccontavano storie di visite aliene e di abductions e credeva in loro.

Il suo comportamento, inusuale per un accademico di alto livello, lo ha trasformato in una figura divertente di 71 anni per il mondo ufficiale, un moderno Don Chisciotte per quelli di orientamento progressista e un cavaliere sul cavallo bianco per quelli che credono che gli alieni siano fra noi. Persino quegli amici e colleghi contrari alle teorie sulle abductions di Mack, riconoscono il suo profondo impegno nell’affrontare i problemi a tutti i livelli personali, sociali e spirituali. “La sua visione davvero importante è che le persone possono cambiare, possono aprirsi”, dice un amico accademico.

Un altro amico dice che nel cuore di Mack c’è la passione del comprendere e alleggerire la sofferenza umana. Ironicamente, l’insolito viaggio di Mack nel reame alieno gli ha portato la sua quota di sofferenza, dai danni alla sua credibilità professionale, alla perdita di vecchi amici e alla rottura di un lungo matrimonio. Mack stesso sembra faticare a spiegare il perchè è quello che è, data la mancanza passata sia nell’attivismo sociale che nelle materie spirituali. Un bambino introspettivo come si descrive, nato in una famiglia di accademici Ebrei Tedeschi a New York. Suo padre legge la Bibbia, ma solo come letteratura in questa famiglia atea.

Però la sofferenza non è stata un concetto astratto nella sua giovane vita. La madre biologica di Mack è morta per appendicite quando lui aveva solo 8 mesi. La sorella di sua madre si sposò più tardi con un sopravvissuto all’Olocausto, un uomo che divenne un esperto nel processo di gruppo e nella psicoterapia. Un altro zio era malato di mente e venne lobotomizzato. “Questo fu un grande fattore nella mia scelta di entrare in psichiatria”, dice. Il manicomio che vedeva durante i viaggi verso il paese lo catturò. Per l’età di 12 anni, stava divorando libri di psicologia nella libreria della sua scuola.

Dopo aver finito la scuola di medicina e sposato Sally Stahl nel 1959, partirono per un’esperienza di due anni in cui Mack servì come psichiatra dell’Air Force in Giappone, dove il primo dei loro tre figli nacque. Lo shock culturale fu intenso. La vita in quel posto, ricordò più tardi, gli insegnò quanto “fantasticamente etnocentrici ed ecologicamente distruttivi possiamo essere noi Americani”. La famiglia tornò negli Stati Uniti e Mack entrò in psichiatria ad Harvard negli anni ’60, quando le idee sulla salute mentale erano state revisionate. Lui giocò un ruolo chiave nel creare una nuova clinica psichiatrica sia per pazienti esterni che interni nel vecchio ospedale di Cambridge di cui Harvard aveva preso il controllo.

La passione di Mack per T.E. Lawrence lo portò a scrivere una approfondita biografia dell’enigmatico uomo che giocò un ruolo chiave nella politica del Medio Oriente e nel 1977, lo sforzo lo portò al Premio Pulitzer. Lawrence visse una visione creativa del cambiare il mondo, cosa che fece appassionare, uno dei suoi amici dice ossessionare, Mack.

Per i primi anni ’80, quando entrò in quella che per molti professori sarebbe la confortevole mezza età, Mack, sotto la spinta dei suoi figli, venne attirato in due altri territori vergini, il regno dei quesiti spirituali e il mondo dell’attivismo politico. Sperimentò la respirazione olotropica e le droghe psichedeliche. Venne attirato nella politica del Medio Oriente, incontrandosi con Yassir Arafat a Beirut per discutere prospettive di pace. In seguito si lanciò in un crescente sforzo antinucleare durante gli anni di Reagan, esplorando gli aspetti psicosociali della minaccia di guerra nucleare e testimoniò davanti al Congresso un problema come gli incubi infantili di un olocausto nucleare. Infine si spinse in un ruolo più attivo; la sua intera famiglia venne arrestata nel 1986 nel Sito di Test governativo del Nevada per aver protestato sulle detonazioni nucleari sotterranee.

Il suo lavoro respiratorio in particolare, impostò le basi per il suo interesse sugli alieni. “Ero aperto alla possibilità che esistesse un mondo oltre quello che possiamo vedere”, ricorda. Mack iniziò a vedere pazienti che descrivevano una varietà di incontri alieni e creò il Programma per la Ricerca sulle Esperienze Straordinarie (PEER) nel Centro di Harvard per il Cambiamento Psicologico & Sociale. (Correntemente il Centro e il PEER non sono affiliati con Harvard.) Il suo libro del 1994 sul soggetto (Abduction), che si concentra su interviste che descrivono le esperienze di un gruppo di 70 persone che affermarono di essere state addotte, provocò la ridicolizzazione e l’indignazione nei media ufficiali e una investigazione di Harvard nei suoi metodi scientifici.

Imperterrito, Mack rimase fermo, raccogliendo altri dati e intervistando persone da tutto il mondo, pubblicando Passport to the Cosmos: Human Transformation and Alien Encounters nel 1999, che si concentrava su miti relativi agli alieni ed esperienze nelle culture native, dall’Amazzonia all’Africa del Sud. Di persona, Mack ha i tratti cauti di uno studioso, la combattività di una figura attaccata dai media e l’entusiasmo innocente di un giovane studente di college che scopre sè stesso. Durante una lunga intervista nei centri del PEER, Mack ha parlato con New Age sulla sua ultima frontiera. Quello che segue è un riassunto dell’intervista.


Domanda: Qual’è stato il primo incontro con il fenomeno alieno?
Risposta: Ho letto un articolo che trattava il fenomeno come emergenza spirituale e un collega nel mio corso di respirazione, mi portò a vedere Budd Hopkins (autore di diversi libri sugli alieni) nel Gennaio 1990. All’inizio io non credevo che fosse possibile incontrare esseri esterni alla Terra, ma divenne chiaro che non avevo altro modo per spiegare cosa stesse accadendo: se diverse persone che non sono connesse hanno le stesse dettagliate esperienze, allora non hai a che fare con un effetto generato internamente. Quindi divenni curioso.

Come verifichi l’attendibilità di queste affermazioni?
Faccio una valutazione psicologica accurata dei loro stati mentali, prendo la loro storia psicologica, gli esami clinici standard e, in alcuni dei primi casi, batterie di test psicologici. Valuterò se abbelliscono la verità. C’è altro, con cui ancora combatto. La sensazione che una persona stia parlando come se sia stata lì, questa viene dal linguaggio del corpo, lo sguardo nei loro occhi, dal non avere altri piani. Sto lavorando per definire meglio questi punti.

Quindi vedi quello che stai facendo come scienza?
Devo essere aperto al fatto che ci sono reami di dimensioni della realtà che non conosco. La conoscenza non è la stessa quando non puoi creare un esperimento controllato, ma rimangono ancora vie affidabili per conoscere. Non posso creare un esperimento che raccoglie un gruppo di UFO. Però credo che esista una qualità d’apertura di mente e rigore che possiamo applicare. Possiamo sviluppare degli standard di autenticità, attendibilità, molteplicità di testimonianze. Questa può essere considerata una scienza del sacro o dell’esperienza umana.

Quali tipi di standard visualizzi per tale scienza?
Abbiamo un progetto sulle esperienze anomale al PEER, che deriva da un workshop del 1999 sull’argomento che ha incluso teologi, antropologi, astrofisici e filosofi. Non guardiamo solo il fenomeno delle abduction, ma le esperienze di pre-morte e altri fenomeni simili che non cadono in una singola disciplina. Noi vogliamo esplorare le tradizioni dove esistono, se non standard, tradizioni sulla testimonianza oculare e sulla verità, metodi sul come decidere chi prendere seriamente. Le tradizioni Buddiste e Cattoliche affrontano questo in dettaglio, per esempio nel determinare cosa sia miracolo e cosa no.
Padre Corrado Balducci, un gentiluomo vicino al Vaticano, una volta mi colpì dicendo che la Chiesa prende molto seriamente questi rapporti sugli UFO e sulle abductions, perchè sembrano esserci molte testimonianze attendibili. Ho iniziato a pensare a questa nozione del testimone sacro o del testimone del sacro. Non vogliamo prendere, per esempio, gli standard Cattolici o Buddisti, ma possono essere delle guide.

Quindi questi standard possono essere applicati ad ogni sorta di esperienza anomala?
Il mondo New Age è pieno di persone che lavorano su tutto dalle esperienze aliene al channeling, ma non ci sono criteri reali per dire cosa prendere seriamente. Abbiamo molte critiche appropriate sul lavoro new age. Solo perchè qualcuno dice che può canalizzare qualcosa, non significa che sia vero. Il metodo scientifico ha mezzi per decidere sull’attendibilità di evidenze fisiche. Però se non ci sono evidenze fisiche, segni fisici sul corpo per esempio, ci devono essere modi per raccogliere dati e determinare la validità.

Stai cercando con forza di portare la scienza in un’area che è dominio della religione?
Barbara McClintock, vincitrice del Premio Nobel in genetica, ha descritto il suo modo di conoscere come altamente soggettivo. Lei potrebbe cadere in amore con spighe di grano; si è fusa con quello su cui lavorava. Chiaramente, dopo aver appreso in questo modo interconnesso e soggettivo, allora puoi usare la tua mente razionale per trovarne un senso. Però il tuo strumento di conoscenza è il tuo intero sè, il tuo sè intuitivo, la tua piena coscienza. Quello che i bravi scienziati e quelli che ci portano “oltre il velo” hanno in comune, è il pieno impegno con questo altro sè.

Dici che il lavoro respiratorio ti ha aperto ad altre visioni del mondo. Come si è rivelato questo?
Ho realizzato che non ero bloccato nella mia torre accademica e psicoanalitica, mi sono espanso oltre il guscio. Ho avuto questo senso di connessione con tutte queste persone, che era inspiegabile per me. Questo senso per cui ognuno di noi è in qualche modo una persona aperta e che ama e che eravamo una sola cosa in un certo modo, che in condizioni naturali possiamo connetterci in un modo molto differente dal solito isolamento competitivo in cui viviamo.

Come si relaziona questo con gli alieni?
Siamo esseri spirituali connessi con altre forme di vita e col cosmo in modo profondo e lo stesso cosmo contiene una intelligenza. Non è solo materia morta ed energia.

Le tue idee sulle abductions, sono più accettate ora nelle vie ufficiali, rispetto al 1994?
No, al contrario. Ci sono coloro che hanno paura di quello che vedono come il pericolo del ritorno dell’irrazionale. Però agli estremi c’è una crescente eccitazione e un interesse nel comprendere una realtà non conosciuta tramite il metodo scientifico tradizionale. Quindi c’è come un riscaldamento, non per una guerra di paradigma, ma un discorso non molto amichevole tra visioni in contrasto.

Gli “esperienti” del contatto alieno, vengono considerati pazzi nel mondo ufficiale. Li vedi come una minoranza oppressa?
La ridicolizzazione di questi individui e la negazione delle loro storie ha profonde implicazioni morali. Una società non può sopravvivere a lungo se chi racconta la verità viene respinto. Io credo che questi testimoni dicano la verità, nonostante il fatto che quello di cui parlano non può essere vero secondo la visione materialista dominante nel mondo. Il fatto che vengano respinti non li rende una minoranza soppressa. Ho iniziato a vedere che l’errato respingimento delle testimonianze di attendibili testimoni era dovuto al fatto che ciò che riportavano non combaciava con la visione dominante del mondo.

Come reagisci alle strane varietà di alieni descritti dagli addotti?
L’intero discorso della demografia aliena è piuttosto ironica in un certo modo, alcuni biondi, altri rettiliani, altri come insetti, altri come mantidi religiose e chiaramente i grigi. L’intero discorso in un certo modo è comico. Quindi arrivi sulla loro provenienza stellare. Sembra uno scherzo cosmico. Quando una cultura diviene sterile e limitata nella sua visione, arriva qualcosa che strappa l’intero sistema.

Quindi credi personalmente in questo fenomeno?
Non serve sforzo. Non si può spiegare in modi puramente interpsichici. Molte persone hanno queste esperienze nel mondo, spontaneamente. Deve arrivare da qualche luogo, quella che James William ha chiamato “provocazione dall’esterno”. Lo vedo nel contesto della crisi ecologica globale. La Terra è una fonte di creazione e vita e per ignoranza, avidità e aggressione, la stiamo distruggendo. Vedo un risveglio delle coscienze in questo, una riconnessione spirituale col sacro, col divino.

Il pedaggio personale e professionale per aver scavato nel fenomeno abductions, è stato troppo alto?
Non ho rimpianti. Nonostante le critiche e gli attacchi, ho incontrato così tante incredibili persone aperte alla conoscenza. Ho probabilmente guadagnato più colleghi e amici da quando ho iniziato questo lavoro, rispetto a quelli che avevo nel periodo precedente, sono semplicemente differenti. Non risuono allo stesso modo con un numero di altre persone. E’ stata come un’espansione dei miei orizzonti e un’apertura a connessioni e possibilità eccitanti, più che una sofferenza. Quello che mi ha portato a sentirmi bene è che le persone hanno iniziato a cercare in anomalie di altro tipo. Ci sono stati molti altri pionieri prima di me.

Vuoi avere un’esperienza di abduction?
Non penso. Una ragione è che spesso è spaventoso, ma penso che potrei gestirla. Secondo, la mia attendibilità e il mio ruolo come testimone dei testimoni, dipende sul mio essere pulito in questo punto. Ho visto esempi in cui investigatori che hanno avuto esperienze o hanno riconosciuto le loro esperienze, hanno perso credibilità come investigatori. Sento di avere un ruolo diverso. Non mi permetto di pensare troppo a questo.


  • Andrew Lawler è il corrispondente da Boston per il magazine Science.

© 2001 Andrew Lawler
New Age Journal, Luglio 2001
Tradotto in italiano da Richard per Altrogiornale.org


  Subject Area: Interviews